Guide di Viaggio


Tra storia e memoria: alla scoperta della Casa di Anna Frank

Una visita alla Casa di Anna Frank è una tappa obbligata: vedere i luoghi in cui la giovane e coraggiosa autrice del diario più famoso al mondo ha vissuto i suoi ultimi anni è un'emozione unica che fa riflettere

Casa di Anna Frank
I consigli della Governante NH
Casa di Anna Frank

Una casa-museo

Se non lo avete ancora fatto, leggete il Diario di Anna Frank prima di visitare la sua abitazione-museo: in questo modo sarete in grado di dedicarvi con un (ancora) maggiore coinvolgimento emotivo al percorso tematico. La Casa è l'ultimo rifugio in cui visse la giovane assieme alla famiglia, prima della deportazione nei campi di lavoro nazisti da cui non fece più ritorno. L'unico esponente della famiglia che sopravvisse alla tragedia fu il padre di Anna, Otto Frank, che in ricordo della moglie e delle figlie decise di trasformare l'edificio di Prinsengracht in un museo. Nelle stanze non troverete più i mobili originali, portati via dai nazisti, ma un'esposizione di reperti interessanti come il celebre diario, foto, filmati e oggetti personali dei rifugiati. Viene inoltre proposto un ricco programma di attività didattiche per studenti e bambini.

Biglietti

Per visitare la Casa di Anna Frank è consigliabile acquistare il biglietto online, con una procedura che vi permette di selezionare l'orario di visita preferito (attenzione a prenotare con almeno due settimane di anticipo data la limitata disponibilità). Con il biglietto prestampato, si può quindi accede dall'ingresso preferenziale, evitando file snervanti. L'ingresso è gratuito per i bambini fino ai 10 anni e per i possessori della Museumkaart.

Posizione e trasporti

Casa di Anna Frank

La Casa è situata nel quartiere di Grachtengordel-West, al confine con Joordan ed è facilmente raggiungibile con i tram 13, 14, 17 scendendo alla fermata Westermarkt, oppure con i bus 170, 172 e 174. In alternativa, c'è la Museum Boat, un battello a cui si accede con un biglietto valido l'intera giornata che ferma direttamente davanti alla Casa di Anna Frank. Se preferite invece muovermi a piedi, dalla Stazione Centrale con una breve passeggiata di 15 minuti raggiungerete Prinsengracht. Dopo la visita, se volete fermarvi per un boccone nelle vicinanze, dirigetevi alla Brasserie Vlaming, sempre sulla Prinsengracht, ma leggermente più a nord: qui potrete godervi delle ottime pietanze tipiche, anche a base di pesce.

Dove alloggiare a Amsterdam Vedi tutti gli hotel a Amsterdam

Altri articoli

Casa di Anna Frank

Degustazioni di caffè ad Amsterdam: dove trovare il vero espresso

Sorseggiare un espresso cremoso dal sapore intenso godendosi la vista dei canali e delle affascinanti stradine di Amsterdam: Un sogno? Per niente: leggete la nostra guida sui migliori coffee bar e scoprirete che è realtà!

Casa di Anna Frank

Un giro lungo i meravigliosi canali di Amsterdam

Amsterdam viene spesso assocciata ai suoi canali: l'intera città è stata costruita strappando pezzo per pezzo la terra all'acqua, grazie ad un capolavoro di ingegneria che ha dato vita ad un labirinto galleggiante

Casa di Anna Frank

Un tour alla scoperta degli zoccoli olandesi: i komplen

Nessun simbolo è capace di rappresentare l'Olanda più dei tipici zoccoli olandesi, i klompen. Nonostante abbondino nelle vetrine di Amsterdam, non è facile scovare i negozi migliori dove acquistarli: scopriteli con noi!

Casa di Anna Frank

Il Museo di Van Gogh: il cuore dell'arte visiva olandese

Fondato dal nipote di Van Gogh, il museo custodisce 500 tra acquerelli e disegni, 750 scritti e 250 tele tra cui i Girasoli e gli autoritratti. Tante le mostre temporanee di artisti ispirati dall'artista, tra i quali Munch

Casa di Anna Frank

Un té con David Beckham da Madame Tussauds ad Amsterdam

Il museo si inserisce nella lunga tradizione iniziata da Madame Tussauds quasi 300 anni fa. Dalla prima scultura di Voltaire nel 1777 all'apertura del primo museo a Londra nel 1835: un successo confermato ancora oggi

Casa di Anna Frank

Non solo Rembrandt e Hals, al Rijksmuseum il meglio dell'arte olandese

Sottoposto a un importante intervento di ristrutturazione che ne ha saputo valorizzato gli spazi, il Museo Nazionale ha riaperto nel 2013 con una nuova veste che ne hanno reso la visita un’esperienza ancor più interessante